Sonoro silenzio,
radiosa tenebra,
luce
che cerca il suo equivalente
in melodia,
quiete
che aspira a liberarsi
in parole,
vita
nel buio della terra feconda.

               D. Hammarskjöld

 

Ho intrapreso il mio percorso di formazione come doula (presso l’associazione Eco - mondo Doula) perché volevo portare alle donne in attesa, nel vuoto sociale del dopo parto, nella coppia che cerca un nuovo equilibrio, la Pratica di Movimento della quale sono istruttrice, Rio Abierto. Durante il percorso ho capito che, in realtà, mi ero avvicinata a questa figura perché avevo bisogno di guarire le mie esperienze di parto e ho sentito profondamente l’urgenza di mettermi a servizio delle donne durante questo momento speciale della loro vita.

Ovunque si proclama l'unicità delle persone ma le risposte ai bisogni profondi di questo magico ed impegnativo periodo della vita sono tutte standardizzate, omologate. Ogni donna, coppia, bambino è diverso e in continuo cambiamento. Abbiamo bisogno di tempo, di ascolto attento, di cura. C'è bisogno di stare insieme nella fatica, nella gioia, nel dolore, nell'estasi, nelle infinite sfumature ambivalenti che ci rendono così percettive, forti e fragili. C'è bisogno di sapere che si può contare su chi sa ascoltare ed accogliere ogni bisogno, ogni emozione senza giudizio o velata pretesa di orientare.

Questa è la doula che tento di essere ogni giorno.

Sono associata a Mammadoula //www.mammadoula.it/

La Doula